St. Paul's Within the Walls Episcopal Church

Posts

Bearing witness in Rome to a dynamic and living Christian faith, open to all and rejecting none.

MEDITAZIONE DI DOMENICA 21 GENNAIO 2018


MEDITAZIONE DI DOMENICA 21 GENNAIO 2018

Il Vangelo di questa domenica ci racconta la storia di quattro vocazioni, quella di: Andrea, Simone Pietro, Giacomo e Giovanni.

La vicenda di Gesù e degli Apostoli ci fa vedere la fatica dei Dodici a perseverare nella fedeltà, infatti, nessuno di loro avrà il coraggio di rimanere con il Signore, al momento del suo arresto.

Quando Dio incontra le persone, provoca sempre una crisi esistenziale e costringe colui che è chiamato a fare i conti con il coraggio, coraggio soprattutto per essere testimone.

Se scegliamo di aderire alla fede, come discepoli del Signore, noi manifestiamo la volontà di inserire il nostro pensare e il nostro operare all’interno di un orizzonte diverso, molto, ma molto più vasto di quello solo umano.

L’annunzio di Gesù ci dice ciò che Dio sta facendo per coinvolgere il suo popolo in un grande progetto di liberazione, che trova nell’antica idea della regalità di Dio il suo carattere distintivo.

È significativo il fatto che Gesù annunzia non se stesso e le sue prerogative, ma l’opera di Dio in un mondo dominato da potenze che ne impediscono l’attuazione. Agli ascoltatori egli chiede di convertirsi, cioè di lasciarsi coinvolgere, di non opporre resistenza all’azione di Dio in questo mondo.

La chiamata dei primi discepoli mostra qual era la risposta che Gesù si aspettava quando annunziava la venuta del regno di Dio ed invitava alla conversione.

Gesù proclamava la Buona Novella di Dio non solo perché viene da Dio, ma anche e sopratutto perché Dio è il suo contenuto. Dio, lui stesso, è la Buona Novella per la vita umana. Lui è l’unico che risponde all’aspirazione più profonda del nostro cuore.

Oggi celebriamo il Santo Battesimo di Luca, vi invito a ricordare che: su ciascuno di noi è sceso lo Spirito Santo e per questo avvenimento godiamo la vita che il Padre dona ai credenti attraverso Gesù nostro Redentore. Questa grande ricchezza di doni richiede una singola attività, l’apostolo Pietro non si stanca di raccontare i primi cristiani, ricordando che Gesù “passò beneficando, cio’è, facendo del bene”, tutto ciò per costruire la civiltà dell’amore.

Il battesimo ci dà lo Spirito Santo, la forza che i cristiani abbiamo bisogno per testimoniare con le nostre vite ovunque. Questa testimonianza deve essere una testimonianza di verità, di giustizia, amore, generosità e servizio. “Su di lui ho posto il mio spirito, affinché possa portare il diritto alle nazioni”.

Il battezzato diventa un Testimone dell’amore di Dio, questa testimonianza in molte occasioni ci verrà chiesta di darla pubblicamente. Il battezzato è chiamato a testimoniare ogni giorno con la sua vita quotidiana, nel lavoro, in famiglia con gli amici, di una maniera semplice e naturale.

Il battesimo ci rende forti, ci aiuta a vivere la vita con energia e passione per il bene della nostra società, della nostra Chiesa e della nostra comunità. A noi battezzati, con la potenza dello Spirito, Cristo ci manda al mondo per essere sale e luce.

Oggi è un buon giorno per rivedere e aggiornare la fede che abbiamo ricevuto nel nostro battesimo e anche come la stiamo condividendo con i più piccoli e i più fragile della nostra società.

In ogni Eucaristia rinnoviamo la nostra fede e il nostro impegno con Gesù, per continuare ad essere quei figli amati, che non si nascondono, ma che sono orgogliosi di adorare un Dio pieno di amore e misericordia. In questo giorno, nel quale Luca riceve il Santo Battesimo, ricordiamo anche il nostro, rinnovando le promesse che i nostri genitori e padrini hanno fatto per noi quel meraviglioso giorno. Amen!


 

Leave a Reply

You can use these HTML tags:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>